Domenica 18 ottobre – XXIX del Tempo Ordinario – I Riti di Introduzione

Pubblicato giorno 16 ottobre 2020 - Attività, In home page

Dopo avere visto come la celebrazione eucaristica sia a pieno titolo una preghiera liturgica (con la sua dimensione ecclesiale, trinitaria, memoriale e rituale) e come sia importante pregare insieme con le stesse parole e con gli stessi gesti (ecco perché cominceremo ad usare la nuova traduzione in tutte le chiese della Toscana a partire dalla prima domenica di Avvento) cerchiamo oggi di riscoprire l’importanza della prima parte della celebrazione eucaristica, i Riti di Introduzione.
Secondo l’Ordinamento Generale del Messale Romano – la premessa teologico liturgica al testo del Messale – “i Riti di Introduzione hanno un carattere di inizio, di introduzione e di preparazione. Scopo di questi riti è che i fedeli, riuniti insieme, formino una Comunità, e si dispongano ad ascoltare con fede la Parola di Dio e a celebrare degnamente l’Eucaristia” (OGMR n° 46).

3 Indicazioni formative 18 ottobre – RITI DI INTRODUZIONE

Lascia un commento

  • (will not be published)